I materiali per il piano cucina: il Lapitec

Pubblicato il 16 Ottobre 2017 in Divulgazione, Idee e Soluzioni

Consigli utili per la scelta del piano di lavoro in cucina

Già in un post precedente abbiamo parlato delle caratteristiche che deve avere un buon piano lavoro per la cucina.

Oggi voglio parlarti del Lapitec, un materiale che unisce i vantaggi di una pietra sintetica, con l’aspetto, forte ed elegante, tipico della pietra naturale.

Lapitec, infatti, è naturale perché privo di resine, è antibatterico e non contiene derivati del petrolio; essendo privo di porosità, non solo è facile da pulire con solo panno e acqua calda, ma è resistente anche alle macchie, agli acidi e ai solventi.

Proprio come la pietra, Lapitec è duro, antigraffio e resistente alle abrasioni.

E’ disponibile in tanti colori, con diverse finiture della superficie, da quella più vellutata, all’effetto sabbia del deserto, fino al trattamento più lucido: i colori, specialmente quelli scuri, sono inalterabili nel tempo e resistenti ai raggi UV.

Infine Lapitec è resistente alle alte temperature: la novità proposta al SICAM 2017, tenutosi la settimana scorsa a Pordenone, esalta proprio questo aspetto, con la possibilità di integrare il piano a induzione sottotop, creando, così, una superficie unica tra piano di lavoro e zona cottura; una soluzione certamente ancora in corso di sperimentazione e verifiche, ma che non vediamo l’ora di proporre, magari proprio per la tua cucina!

foto: archivio Essenza Legno e www.lapitec.it